Spedizioni gratuite a partire da 3kg di Parmigiano Reggiano.

Nessun prodotto è presente nel carrello

Spadarotta

Parmigiano e diabete

Parmigiano e diabete: vantaggi, benefici e altre informazioni

Oggi parliamo di un argomento che sta a cuore a un numero sempre maggiore di persone: Parmigiano e diabete. I diabetici possono mangiare il Parmigiano Reggiano? Questo formaggio è da consigliare o da evitare in caso di problemi di glicemia alta? Cerchiamo di fare chiarezza! 

Sappiamo bene che il Parmigiano Reggiano, e in particolare il Parmigiano biologico, è un alimento sano, nutriente, ricco di proprietà. Ma quando ci troviamo di fronte a problemi di salute come il diabete, non possiamo dare nulla per scontato. Perché se un’alimentazione sana ed equilibrata è importante per tutti, per chi soffre di diabete è invece un’imprescindibile necessità.

Il Parmigiano, grazie alla sua alta digeribilità, alla sua ricchezza in calcio, all’alta percentuale di grassi insaturi (e alle sue altre numerose proprietà) il Parmigiano è un ottimo alleato della nostra salute sia in caso di ipertensione che di osteoporosi. Ma lo è anche in caso di diabete. Scopriamo perché.

parmigiano e diabete vantaggi

Parmigiano e diabete: i benefici 

Il Parmigiano Reggiano è un formaggio semigrasso a pasta dura, caratterizzato da lunghe stagionature. Nel caso — come di Spadarotta — di un Parmigiano Biologico ci troviamo di fronte a un formaggio prodotto da bestiame allevato in maniera rispettosa, con foraggi a loro volta biologici, quindi un formaggio davvero molto sano oltre che nutriente. 

  1. Innanzitutto il Parmigiano è un alimento sano per i diabetici perché contiene una bassa percentuale di grassi saturi, che possono determinare la disfunzione delle cellule che si occupano della produzione di insulina.
  1. In secondo luogo, ma non meno importante, il Parmigiano è un formaggio altamente digeribile. Il nostro organismo impiega infatti solo 40 minuti per digerirne 100 grammi. Un altro grande vantaggio per tutti, inclusi i diabetici.
  1. Il Parmigiano ha un indice glicemico pari a 0, un valore certamente molto importante per chi, come i diabetici, deve tenere sott’occhio questo parametro.
  1. Dobbiamo poi segnalare la presenza in questo formaggio di una sostanza chiamata esorfina: si tratta di un ormone che ha effetti tranquillizzanti e antidolorifici. 

Parmigiano e diabete: a cosa dobbiamo fare attenzione

Non dobbiamo però dimenticare che il Parmigiano, oltre ad essere nutriente, è anche assai calorico. In effetti 100 grammi di Parmigiano Reggiano ci apportano circa 400 kcal. Per questa ragione dobbiamo contenere le quantità. Il nostro consiglio è sempre di chiedere al medico o a un diabetologo quanto Parmigiano consumare e con quale frequenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This error message is only visible to WordPress admins

Error: No connected account.

Please go to the Instagram Feed settings page to connect an account.

X